Seleziona una pagina

Scopri la Nuova Rivista sul Trading Automatico >>

Ascolta “Cosa penso del trading in opzioni” su Spreaker.

Ciao ragazzi, ciao da Andrea Unger.

Ho tra le mani questa edizione del circolo dei trader sistematici e come in tutte, c’è una sezione dedicata alle opzioni, al trading in opzioni.

Ovviamente non l’ho redatta personalmente, ma è fatta da un esperto del genere, Domenico Dall’olio, altrimenti altri articoli sempre sul tema opzioni sono redatti da Francesco Placci, che considero sicuramente un esperto in materia.

Questo in qualche maniera si collega assieme al titolo della rivista, ad una domanda che mi è stata posta più volte effettivamente, cioè quale sia il mio rapporto con il trading in opzioni, opzioni quelle vere ovviamente, non certo le binarie che sono un capitolo chiuso ormai.

Le opzioni cos’hanno a che vedere col trading sistematico?

Allora ci tengo a fare questa precisazione perché a me il trading in opzioni mi piace moltissimo in quanto lo giudico materia affascinante in ogni punto di vista.

Vi posso dire che già negli anni non sospetti, prima addirittura che io cominciassi a partecipare ai campionati del mondo di trading nel 2008 quando cominciai, quindi anni precedenti a quelli lì, c’erano dei trader esperti in opzioni, posso anche fare nome e cognome anzi diciamo solo il nome, Fabio.

Non vorrei mai che lui magari non vuole essere citato, Fabio con l’email fabulosus, così che chi lo conosce personalmente magari capisce.

Comunque questi esperti ritenevano che io potessi essere adatto al trading sulle opzioni.

Adatto perché mi giudicavano sufficientemente matematico per apprendere, capire e apprezzare i meccanismi che ci sono dietro questi strumenti.

Posso solo confermare che avevano ragione, che io sia adatto non lo so, nel senso che avevano ragione che come materia è sicuramente affascinante e richiede sicuramente un approccio molto schematico e pratico alla materia e che le strutture da comprendere sono diverse da un certo punto di vista da altri aspetti del trading.

Ma cosa ha a che vedere col trading sistematico?

Io lo vedo legato al trading sistematico?

Per la concezione stessa di trading sistematico o come preferisco chiamarlo io, algoritmico, perché algoritmo è tutto ciò che riguarda dei numeri, quindi quando le decisioni, intese come decisioni di trading, quindi quelle operative, vengono prese sulla base di numeri, ecco che per me automaticamente si entra nel campo del trading algoritmico o sistematico che dir si voglia.

Non necessariamente il trading sistematico deve essere considerato come la macchinetta che va da sola, fa tutto.

Quello fa parte di questo mondo, fa parte perché quella macchinetta, ovviamente basata sui numeri, fa il suo lavoro, ma ovunque altro ci sia uno studio numerico alla base della decisione operativa siamo nello stesso campo.

Operativamente cambia, ma la natura del trading è la medesima ed ecco perché io mi ci trovo dentro e mi ci trovo dentro molto volentieri.

Ecco perché frequento persone esperte in campo opzioni, perché mi incuriosisce.

Queste persone, chiunque esse siano, che hanno dimostrato esperienza sul campo, io le frequento per accelerare la mia curva d’apprendimento, in maniera da andare a scremare tutte quelle che sono le stupidaggini che si leggono e che si possono trovare.

Quando ovviamente si incontra qualcosa di nuovo, si può restare affascinati, può sembrare la cosa migliore del mondo, uno si domanda sempre, proprio perché consapevole di quanto sia pericoloso il mondo del trading a livello anche di formazione, ci si domanda sempre: sì però dove sta la fregatura?

E le fregature ci sono, ecco che rivolgendosi a chi è esperto, che sa quello con cui ho a che fare, può subito spiegare dove sta la fregatura se sa che c’è, oppure magari andare a guardare assieme e analizzare la cosa.

Ecco che a me piace scavare in questo mondo, alla ricerca di che cosa?

Di nuove idee, di nuovi approcci, di diversificazione.

Diversificazione intesa in questo caso su un campo ovviamente diverso, un approccio diverso, ma che mi stimola intellettualmente.

Il fatto che ho sempre detto, il trading va fatto principalmente per passione, ecco che la mia passione verso i numeri e il trading riesce a conciliarsi anche in questi strumenti che quindi considero assolutamente sistematici, ecco perché trovate articoli interessanti sulle opzioni in questa rivista, bene o male in tutti i numeri che escono e per me stesso un campo di esplorazione in linea con quello che faccio.

Non posso dire di essere un bravo trader in opzioni.

Sono uno che ci si dedica e che sicuramente se troverà delle idee buone non avrà paura di metterle in macchina perché ho la fortuna di essere nel campo da tanto tempo e so anche che le cose vanno poi provate sul campo per vedere se funzionano e quindi non è che mi freni, se credo in quello che faccio, la paura di perderci i soldi.

Se li perdo è perché ho sbagliato, pago l’errore, ma questo è un tributo che si paga al mercato tutte le volte che si fanno degli errori.

Però, ripeto, opzioni e trading sistematico vanno benissimo d’accordo, quindi non ho nessun problema personalmente a farmi una cultura e ad unire articoli miei su trading system o altri studi sistematici anche articoli sulle opzioni purché suffragati dai numeri, perché senza numeri io non vado da nessuna parte.

Questo è quanto, spero di essermi spiegato, ciao da Andrea Unger, alla prossima.

Scopri la Nuova Rivista sul Trading Automatico >>