Seleziona una pagina

Scopri la Nuova Rivista sul Trading Automatico >>

Ascolta “Cosa posso trovare qui?” su Spreaker.

Buongiorno ragazzi, ciao da Andrea Unger, oggi grande eleganza poi la cambierò, ogni tanto dovrò lavarla comunque… sono sponsorizzato.

Sponsorizzato da me stesso, mi domando e vi domando: ma io cosa insegno?

Dunque, questa domanda nasce dalla lettura di alcune mail di persone che si sono iscritte alla Unger Academy, iscritte al mondo Unger Academy quindi che non hanno assolutamente acquistato nulla, ma sono semplicemente iscritte per poter usufruire di tutti i contenuti gratuiti.

Rispondendo alla domanda di quale sia la loro difficoltà principale nel trading, mi espongono appunto le loro difficoltà e poi mi espongono anche i motivi per cui si sono iscritti e quello che vorrebbero imparare.

Molte volte trovo delle richieste che sono lontanissime dal mio mondo per due motivi.

Primo perché giustamente io ovviamente non ho tutto lo scibile del trading, quindi ci sono aree dove necessariamente non ho avuto modo di approfondire, ho delle lacune o aree che semplicemente non mi piacciono, quindi chiaramente non potrei assolutamente insegnare nulla su questi temi.

Secondo, perché ci sono dei temi richiesti che sono stati forse inculcati da luoghi comuni, da leggende metropolitane o da non si sa da che cosa, ma che non hanno nulla a che vedere col trading o che comunque non porterebbero da nessuna parte se applicate.

Quindi io voglio specificare, io faccio trading sistematico o comunque bazzico nel mondo algoritmico e di questo poi dirò qualcosa in un altro video.

Bazzicando nel mondo algoritmico il mio approccio è numerico, io tutto quello che faccio è numerico, analizzo il trade dal punto di vista numerico e mi creo delle strategie che facciano quello che sembra essere opportuno fare in base appunto a degli studi numerici, dei casi statistici, leggeteli come vi pare, ma che comunque analizzano i mercati.

Non faccio analisi grafiche, non lavoro su supporti e resistenze, non cerco testa e spalle sugli indici, non vado a fare considerazioni di macro economia su quello che ha fatto il petrolio e quindi quello che farà l’indice e poi perché Trump si grattava il naso ecco che succede questo o quello.

Questo non lo faccio perché non sono capace di farlo e perché su tante di queste tematiche che ho appena detto non ripongo la benché minima fiducia, per cui la pura analisi grafica è qualcosa che è abbastanza lontano da quello che che io faccio, ma semplicemente perché non sono convinto che sia efficace.

Altra cosa, non posso insegnare qualcosa che sia cucito su misura solo perché la persona ritiene che quello sia il modo migliore per operare.

Chi viene a chiedermi operatività veloce di scalping o comunque mordi e fuggi, non vuole stare overnight o vuole lavorare su time frame brevissimi, noto solo, a mio avviso, che ha una gran confusione in testa.

Primo perché il timeframe breve non significa necessariamente un’operatività veloce, perché il timeframe breve, per come lo intendo io, è per vedere meglio come si muove il mercato, ma non per essere più veloci, perché essere più veloci significherebbe lavorare puramente sul grafico, sulle barre e quindi al numero di barre o la configurazione di barre.

Non è quello che faccio io e non è nemmeno quello che a mio avviso funziona, ma questo apre un altro capitolo eventualmente, però io insegno quello che faccio, quello che ho imparato negli anni dedicandoci tempo e soldi.

Perché sapete bene, in questo campo ogni volta che si sbaglia si paga e si paga a volte anche profumatamente.

Quindi tutto quello che ho imparato e che ho visto funzionare, il modo con cui io ho imparato ad analizzare i mercati è un modo che mi ha permesso di raccogliere successi, perché non ci sarebbe questa maglietta se non avessi ottenuto alcuni successi importanti, quindi qualcosa che ha dimostrato di funzionare e funziona ancora, che io uso quotidianamente.

Io quell’approccio lo insegno, quell'”approccio” attenzione!

Quel modo di lavorare, quel modo di sviluppare sistemi, quel modo di analizzare i sistemi.

Non esiste il sistema magico, la scatoletta magica che una volta data via, dopo produce soldi a destra e a manca, questo non è possibile insegnarlo perché non esiste.

Quindi io insegno quello che faccio io, come lo faccio io e il perché.

Il “perché” è inteso come frutto dell’analisi che ne fate e quindi le decisioni che vengono prese, questo è quello che si trova alla Unger Academy.

Gli argomenti possono ampliarsi nel momento in cui un campo “nuovo”, fra virgolette, dove per nuovo intendo consolidato dal sottoscritto, sia reputato degno di interesse.

Interesse personale ovviamente e da divulgare.

Altrimenti se è una nicchia pericolosa nel senso che se troppe persone ci arrivano ci si pesta i piedi a vicenda o se è qualcosa che alla fine comunque può essere magari un compendio a una visione di portafoglio di approccio di diversificazione, ma a sé stante e non rappresenta un reale interesse lo lascio solo, lo lascio da parte, eventualmente in qualche evento live si potrà affrontare il discorso.

Però tutti gli argomenti che trovate sono argomenti che io vedo come corposi, interessanti e anche esaustivi in un certo senso.

Nel senso che se uno vede quello che c’è, lo analizza, lo studia, fa i suoi passi e teoricamente potrebbe anche poi camminare solo, a meno che non voglia accelerare il percorso sfruttando il rimanente materiale, ma questo è un discorso a parte.

Quindi non posso però insegnare quello che non so e quello in cui non credo.

Ecco che chi si approccia alla Unger Academy come una delle tante accademie di formazione del trading, dove sperano di trovare come nel menu quello che cerca, casca male.

Perché probabilmente non lo trova, a meno che non cerchi il modo con cui io affronto il trading sistematico, quindi per quello ovviamente sono il più titolato per poterlo spiegare essendo il mio metodo, ma tutto il resto ahimè temo che si caschi male.

Per cui benvenuti comunque tutti ed eventualmente qualcuno avesse idee farlocche, diciamo così, sarò contento di potergli far cambiare idea, magari indirizzandolo nella maniera più corretta, però non chiedetemi di spiegarvi tecniche di scalping con la luna piena perché sinceramente non è qualcosa che penso di essere mai stato in grado e sarò mai in grado né di fare, né ovviamente tanto meno di spiegare.

Ciao ragazzi, ahimè scalping no!

Alla prossima ciao.

Scopri la Nuova Rivista sul Trading Automatico >>