Partecipa all'Evento di Trading più Esclusivo dell'Anno >>


Ciao ragazzi da Andrea Unger, voglio fare una brevissima panoramica sui tipi di ordine perché qualche volta mi vengono poste delle domande e giusto per fare chiarezza vado a esporvi gli ordini principali che si usano.

Partiamo dall’ordine di Stop, che non ha nulla a che vedere con lo Stop-loss inteso come tale, l’ordine di Stop significa che avendo un determinato livello di prezzo – supponiamo che noi ci troviamo qui – si compra “in stop” a questo livello se i prezzi toccano il livello in salita. A questo punto quando il prezzo tocca il livello, si compra a un qualsiasi prezzo che il mercato ci offra pur di entrare a mercato – in questo caso – long; quindi l’ordine Stop Buy non è altro che il classico “ordine a rottura” (break out). Quando i prezzi arrivano a toccare il livello di Stop, ecco che parte l’ordine e va a mercato senza condizioni aggiuntive.

Contrario dell’ordine Stop è l’ordine Limit: l’ordine Limit – supponiamo sempre d’acquisto per semplicità – aspetta che i prezzi tocchino un certo livello per entrare in acquisto ma questa volta aspetta al livello predeterminato in attesa di vedersi arrivare i prezzi dall’alto, ovvero lui vuole comprare a un livello genericamente più basso di quello che è il prezzo in cui il mercato si trova in quel momento in cui viene piazzato l’ordine. Quindi l’ordine Limit è un ordine genericamente in attesa, è un possibile take profit diciamo, metto il mio take profit, aspetto che vengano a prendermi, quindi aspetta che lo vengano a prendere. Si chiama “Limit” perché dà un limite: io non voglio comprare a un prezzo maggiore di questo livello qua, il limite che pongo è quello là – supponiamo 10 – io voglio comprare a 10, non un centesimo di più. Se qualcuno venisse a darmelo a 9 io sarei contento, lo prenderei, o comunque sennò 10 e non un centesimo di più.

Quindi ordine Stop, indicato spesso come STP semplicemente, o ordine Limit indicando come LIM. Ci sono, e vengono usati tantissimo gli ordini Stop Limit, ovvero stesso discorso dell’ordine Stop: si attiva un ordine nel momento in cui viene toccato un livello predeterminato che è il livello di Stop, ma questo ordine non è a qualsiasi prezzo come indicato in questo esempio, ma a un prezzo che ha un limite inferiore – o superiore a seconda della direzione in cui si compra – di acquisto. Quindi io posso dire in genere si compra allo stesso livello: ordine acquisto Stop supponiamo 10, Limit 10; quindi se tocca 10, se viene scambiato sul mercato anche un solo contratto a 10, io lancio un mio ordine – che a questo punto lancio un ordine Limit – 10, ovvero voglio assolutamente comprare se tocca 10 ma non voglio spendere più di 10, quindi io compro a 10.

Cosa succede in questi casi? L’ordine Stop Limit alle volte resta ineseguito, perché se c’è una rottura improvvisa potente del livello Stop, ecco che magari tocca qui, ora che il mio ordine arrivi i compratori hanno già spazzato via altri livelli di prezzo superiore a 10 e io che ho posto un limite di acquisto a 10 sto lì ad aspettare che in qualche maniera ci sia un ritracciamento che venga a prendermi e non sempre succede.

Quindi l’ordine Stop Limit potrebbe anche andar bene per ordini di ingresso a mercato ma negli ordini protettivi di Stop Loss è sempre meglio usare un ordine Stop puro o porre un Limit comunque abbastanza distante dall’ingresso di Stop perché io potrei dire “acquisto Stop 10 e Limit 11”, sono esempi estremi ovviamente; quindi quando tocca 10 lancio un ordine che compra purché non sopra a 11, in parole povere.

L’altro tipo di ordine – che poi già ho implicitamente accennato – è l’ordine Market: Market è, Market Buy o Market Sell, un ordine al meglio, che è quello che scattava quando toccava il livello l’ordine Stop, cioè quando in un certo momento decido di comprare a qualunque costo; in quel momento io lancio un ordine al meglio, compro a qualsiasi prezzo mi venga assegnato dalla controparte del mercato, o vendo a qualsiasi prezzo.

Implicitamente l’ordine Stop è un ordine Market attivato a una certa soglia raggiunta. L’ordine Limit non ha nulla a che vedere con questo, l’ordine Stop Limit invece è un misto fra un ordine Stop e Limit.

C’è anche un’altra tipologia di ordini qualche volta usata – la cito solo per completezza – la Market If Touch, MIT. Market If Touch è una versione moderna dell’ordine Limit dove dice “se arriva a toccare questo livello, allora tu lancia l’ordine a mercato”, quindi non sta qui al livello Limit ad aspetta re di essere eseguito ma non appena i prezzi scendono e toccano quel livello si compra al meglio, quindi normalmente si compra a un TIC almeno peggio di quello che è stato toccato.

Sono ordini che possono essere utili se si vuole avere la certezza di essere eseguiti con un ordine Limit perché non sempre c’è: se siamo assieme a tanti altri ordini può darsi che ne consumino una parte a quel livello e noi restiamo ineseguiti, invece con il Market If Touch appena tocca il livello noi partiamo in acquisto e quindi siamo sicuramente a mercato, però probabilmente a un prezzo peggiore di quello che era il prezzo toccato.

Questo è quanto, state con noi, altre novità presto!

Partecipa all'Evento di Trading più Esclusivo dell'Anno >>

Categorie: Tecnici

Andrea Unger

Noto per essere l'unico 4 volte campione del mondo di Trading (2008, 2009, 2010 e 2012), Andrea Unger è trader professionista dal 2001 e membro onorario di SIAT (Società Italiana Analisi Tecnica). Autore apprezzato, è spesso ospite di convegni in Europa, Stati Uniti e Asia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.