Piccolo update: L’insegnamento serve a fare trading meglio. Il confronto con gli studenti stimola nuove idee che poi vengono applicate nel trading. E c’è denaro per tutti, anche se più di 1 trada la stessa strategia. Da un punto di vista imprenditoriale sarebbe illogico non farlo, vista la chiara opportunità di mercato, ed è pure socialmente utile in quanto occorre mettere in guardia dagli imbonitori di turno dicendo chiaramente che il trading non è facile e non è per tutti. E a pagamento per far “apprezzare” il contenuto e considerarlo un investimento che deve rendere (e quindi ci si dà da fare… ;-)) Occorre fare attenzione da chi impari… questo assolutamente… ma senza validi insegnanti uno come farebbe ad imparare? (E infatti il metodo d’apprendimento pre-industrializzazione era andare a lavorare in bottega dal maestro…) e comunque contano solo i risultati (e miei studenti hanno vinto come me la coppa del mondo di trading con soldi veri, durata un anno, non 1 settimana)… 🙂


Fa' il Quiz e Scopri il Tuo prossimo Passo nel Trading >>


Perché insegni

Perché lo fai, domandava il buon Masini, probabilmente non lo domandava a me, spero di no, anche perché lo domandava ancora tanti anni fa quando ancora io non mi cimentavo con il trading. La domanda che mi viene spesso posta, ma se tu fai i soldi con il trading, perché insegni? Perché vendi corsi? Ci sono tante risposte, innanzitutto io offro quelle che sono le mie competenze, quelle che ho maturato negli anni e questo aiuta le persone ad accelerare il proprio percorso nella crescita del trading. Quindi un motivo, un motivo buono, mettere a disposizione le proprie competenze.

Ma tu coi soldi perché fai pagare quello che fai, che senso ha? Beh è il mio tempo e dedico il mio tempo e mi sembra giusto che venga pagato perché dovrei fare il benefattore solo perché sono profittevole nel trading? Sinceramente mi sembra un concetto un po’ estremo ecco, proprio perché non lo vedo tanto corretto tutto sommato. Tra l’altro, questo può sembrare un po’ di parte, però effettivamente se io offrissi gratuitamente, se fossi io per primo a non dare valore, un valore preciso a quello che offro, come potrebbero gli altri dargli un valore giusto?

Credetemi, se io vi offrissi gratuitamente qualcosa, di un certo valore, questo sarebbe probabilmente sottovalutato al punto da non trarne alcun beneficio. Ho avuto esperienza con amici, alcuni che hanno avuto e poi non hanno sfruttato, semplicemente perché, perché non hanno pagato, non hanno dimostrato comprando quello che volevano, il loro reale volere, la loro volontà di applicarsi in quello che stavano per fare. Poi ovviamente è un discorso anche di opportunità, e se voi cominciaste a pensare con un’ottica di opportunità del business in tutto quello che fate ne trarreste un enorme vantaggio anche nel trading, io vedo l’opportunità di una diversificazione, tra le entrate del trading alle entrate dell’attività imprenditoriale di educational che si fa. Ecco in questo maniera, il trading io non so quando guadagno, non so quando perdo e non so quando guadagno, se lo sapessi sarei ben più ricco perché potrei ogni volta fare la cosa giusta, però le entrate sono variabili, invece nell’attività di educazione più o meno c’è una certa costanza e questo regolarizza praticamente  gli ingressi e le uscite.

Quindi voglio dire c’è un discorso di opportunità, un discorso di logicità, io vendo il mio tempo, il tempo che dedico a far le cose e le mie competenze quelle che mi sono costate tanti anni. E poi il discorso di non voler pagare per qualcosa, questo è un atteggiamento già spento di per se, se qualcuno di voi vuole fare il medico chirurgo, si iscrive all’università, paga studia e diventa chirurgo, penso che nessuno affiderebbe un’operazione a uno che non ha studiato e non si è laureato, penso almeno per il vostro bene, se uno  vuole tirar su i ponti, e far l’ingegnere, si iscrive paga e diventa ingegnere, paga gli studi non paga la laurea sottobanco e stesse cose per tantissime altre professioni. Uno paga il percorso educativo che lo porta ad ottenere una certa qualifica, un certo risultato.

Perché il trader professionista non dovrebbe pagare? Perché? Vuole accelerare i tempi per arrivare laddove deve arrivare con le dovute competenze? Pagasse, ma pagasse perché è logico. Il fatto che io faccio soldi con il trading e quindi non sia giusto moralmente che io faccia pagare. Io non andrei mai a chiedere lezioni di tennis a Roger Federer pretendendo che me le desse gratis solo perché lui ha guadagnato abbastanza con il tennis, lui mi dedica il suo tempo mi insegna quelle che sono le sue abilità e io pago questo come una merce di scambio normalissima, quindi perché sei pagato per vendere corsi? Perché è ovvio che sia cosi perché è normale che lo sia, questa è una risposta che mi sento di dare e che spero sia riuscito a trasmettervi con questo breve video, in ogni caso ci vediamo con i prossimi contenuti anche quelli gratuiti.

Ciao.

Fa' il Quiz e Scopri il Tuo prossimo Passo nel Trading >>

Categorie: Uncategorized

Andrea Unger

Noto per essere l'unico 4 volte campione del mondo di Trading (2008, 2009, 2010 e 2012), Andrea Unger è trader professionista dal 2001 e membro onorario di SIAT (Società Italiana Analisi Tecnica). Autore apprezzato, è spesso ospite di convegni in Europa, Stati Uniti e Asia.

5 commenti

david guerin · 1 settembre 2017 alle 14:58

Ciao Andrea!
…Tutto molto chiaro e ovvio….
Saluti David.

giovanni · 4 settembre 2017 alle 09:35

Sono pienamente d’accordo con te Andrea. Dimostri sempre molta trasparenza ed onestà intellettuale
Saluti

giovanni

Marcelin · 19 novembre 2017 alle 16:17

Ciao ANDREA sono d’accordo con te .

Ruggero · 24 febbraio 2018 alle 15:06

ciao sono d’accordo, ma secondo me dovresti dare qualche prova di questi trading system profittevoli, chiaramente non semplici immagini copia e incolla come fanno in molti, ma una prova evidente e veritiera magari in myfxbook o fxblue. Se io vendo un prodotto devo dimostrare che questo prodotto fa il suo dovere. Chiaramente è solo un mio pensiero poi ognuno di noi è libero di fare e pensare quello che vuole.

saluti

    Andrea Unger · 25 febbraio 2018 alle 23:06

    a parte i webinar in cui ne ho dati un paio in regalo dici? non uso forex pertanto la soluzione che proponi non è purtroppo fattibile, ad ogni modo ritengo che quello che conti non sia quanto io sia o meno bravo ad operare, bensì quanto quello che insegno faccia o meno generare profitti ai miei studenti… e qui puoi vedere qualche risultato: https://blog.ungeracademy.it/category/case-studies/ lascio parlare loro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *