Scopri il Tuo prossimo Passo nel Trading con questo Test >>


Ciao ragazzi, ciao da Andrea Unger.

Oggi parliamo dei future sui metalli, i metalli preziosi in particolar modo.

Sono mercati molto interessanti, non è che ce ne siano tantissimi, ve li voglio elencare subito: c’è ovviamente l’oro, il primo che mi viene in mente ed anche il più affollato di operatori.

A ruota arriva l’argento e poi il platino.

Gold, silver, platinum: sono tre mercati, sul comex, piuttosto liquidi tutti, in particolar modo l’oro (l’argento è meno liquido, specialmente negli orari della night session americana, però comunque è utilizzabile tranquillamente) e il platino diventa anno dopo anno più affollato, quindi sempre più efficiente ed interessante da operarci.

In aggiunta a questi c’è anche, lo scrivo però qua, il rame (copper), che ha caratteristiche diverse ma è un mercato a sua volta veramente molto interessante per i trading system.

L’oro, in particolar modo, risponde bene a tantissime tipologie di sistemi, quindi è un mercato che veramente merita di essere esplorato e indagato a fondo per poter lavorare sia in trend-following che in controtrend che, soprattutto in bias, perché ci sono delle interessanti bias sul mercato dell’oro, con particolari orari da tenere in considerazione, che portano a degli sviluppi veramente veramente interessanti.

L’argento, è un mercato invece molto più difficile, ah scusate, in merito all’oro, stop loss che vanno in intraday non sotto i 1000 dollari (meglio 1500-2000), in overnight arrivano anche a 3500 per avere dei sistemi che funzionino a dovere.

L’argento, da parte sua, è un mercato più nervoso, meno pulito nei movimenti, più difficile quindi trovare dei sistemi che funzionino bene sull’argento e, considerato anche l’elevato valore del mercato stesso e la volatilità dello stesso, comporta la necessità di stop loss abbastanza elevati e che, date le caratteristiche del mercato, possono venire colpite abbastanza spesso. Per cui, sicuramente, non lo consiglio ai neofiti e non consiglio di prenderlo in considerazione nelle prime fasi di sviluppo di trading system. Poi, chiaramente ognuno fa quello che preferisce, però sceglierei sicuramente prima l’oro e soltanto in seconda istanza l’argento.

O piuttosto, neanche in seconda istanza, ma in terza perché andrei sul platino, piuttosto.

L’unico difetto del platino è che ha caratteristiche molto simili all’oro in termini di movimenti e correlazioni, per cui, non metterei uno stesso motore in macchina sull’oro e sul platino perché ritengo che sarebbero troppo correlati tra di loro e quindi rischierei, non dico di duplicare, ma di espormi eccessivamente su due mercati che alla fine fanno più o meno le stesse cose.

L’argento si discosta leggermente (poi nel medio termine è sempre abbastanza correlato a questi altri).

Invece, correlato quasi inversamente all’oro c’è il rame che si presta bene su strategie di controtrend (sugli eccessi, ovviamente), però in generale, ci sono anche dei buoni motori trend-following. E’ un mercato spesso “esplosivo”, però ha anche dei -visto che dicevo del controtrend- dei ritracciamenti importanti alle volte.

Quindi attenzione al trend following, gestitelo con cura, perché i trend è vero che partono ma subiscono spesso dei ritracciamenti importanti e quindi bisogna studiare come gestire eventualmente le posizioni dei sistemi che si vanno a sviluppare su questo mercato. Anche lui stop loss che variano dagli 800 dollari fino a 2000-2500, a seconda della strategia che si vuole sviluppare.

Mercati tutti piuttosto liquidi, oro soprattutto, mercati interessanti… non ho menzionato il palladio, perché è un mercato che giudico troppo poco liquido per poter sviluppare seriamente, serenamente una strategia.

Chi volesse però considerarlo è liberissimo di farlo ma non lo metto in questa lista in cui ci sono i miei quattro preferiti perché lo troverei un po’ fuori luogo -è un fratello minore che è meglio che stia ancora all’asilo a giocare con gli altri bimbi, a mio avviso (non si offenda il palladio!)-.

Questo è quanto, ci vediamo per altri mercati.

Ciao da Andrea Unger.

Scopri il Tuo prossimo Passo nel Trading con questo Test >>

Categorie: Mercati

Andrea Unger

Noto per essere l'unico 4 volte campione del mondo di Trading (2008, 2009, 2010 e 2012), Andrea Unger è trader professionista dal 2001 e membro onorario di SIAT (Società Italiana Analisi Tecnica). Autore apprezzato, è spesso ospite di convegni in Europa, Stati Uniti e Asia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.